giovedì 22 dicembre 2011

Festina e l'età del vino

Lavorando sull'attitudine a non trascurare gli aspetti edonistici della vita quotidiana, torno a parlare di vino con il mio amico Paolo Miano. La domanda che gli ho rivolto oggi è Quando arriva il momento giusto per aprire una bottiglia di vino? Ecco con quale approccio ci insegna a capirlo.
Una bottiglia si può aprire in qualsiasi momento. Credo fortemente che sia il momento sociale molto più importante del giusto momento di maturità del vino stesso. Ricordi brunelli acerbi, verdi, tannici e quasi imbevibili, bevuti con piacere alle 3 di notte in dolce compagnia. Ricordo un bolgheri andato, con sentori di marsala e sapore di tabacco dentro la bocca. Ricordo di averlo bevuto tutto, con un vecchio amico, un pomeriggio di dicembre, ricordando balordate, ed ogni cinque secondi ripetere, che schifo sto vino... mi ricorda... mi ricorda. Ecco, il vino fa ricordare, ma anche dimenticare.
Comunque, generalmente diciamo che tante volte la possibilità di invecchiamento di un vino è purtroppo direttamente proporzionale al costo. Un vino da cinque euro non durerà per più di due anni, perchè il suo meglio lo da nei primi anni. Ci sono chianti che possono stare tranquillamente anche sei sette anni. Ma è meglio berli nel giro di tre anni. I Brunelli, di una buona annata possono stare anche dieci anni. I grandi francesi anche quarantanni. Quando beviamo un vino dobbiamo anche chiederci cosa cerchiamo in quel vino? Cerchiamo la semplciità? bene... allora sicuramente non beviamo un vino invecchiato. Cerchiamo corpo e complessità per la nostra faraona in umido, prendiamone uno invecchiato.
Purtroppo ci sono troppe varianti per fare un scala di giusto consumo. La casa produttrice, l'annata, il tipo di vitigno... sono tante cose che incidono nella capacità di invecchiamento. Più avanti spiegheremo meglio i singoli vini o le singole zone. Per ora fermiamoci pensando che un vino è qualcosa di vivo, e non va disturbato quando riposa. E se non riposa, vuol dire chè è giovane e va bevuto subito.
Il primo episodio di Cucina Edoné>>Link
Leggi anche i consigli di Paolo per conservare al meglio le bottiglie nella cantinetta domestica>>Link

Nessun commento:

Posta un commento