giovedì 2 dicembre 2010

Festina dice clitoride in tv

Una settimana fa Gaia Nanni ha scritto a Festina per invitarla in diretta ad una trasmissione di RTV38 dedicata alla Trasgressione. Il motivo? La serata di sex toys workshop FAMMI IL PIACERE organizzata al Lochness.
Che c'entro io? Si è chiesta Festina, il messaggio delle mie iniziative è inserire la ricerca curiosa del Piacere nell'ambito della normalità.

Gaia ha insistito, l'argomento è diventato il Piacere, in sala anche attori teatrali ed uno psicologa, oltre al titolare di un sexy shop. Festina ha pensato di mandare qualcuno al posto suo, ma nessuno sembrava pronto per accettare, così alla fine, ha accettato lei.
Armata di ironia e pois, Festina martedì sera è entrata in studio ed ha preso parte al dibattito ludico, intervallato da spezzoni di film e monologhi di teste di serie come Marchesini e Littizzetto. Poco alla volta ha raccontato quello che ha imparato al workshop, ha pronunciato la parola "massaggiatore clitorideo" in diretta senza essere una porno star nè ambire a tanto. La puntata si è risolta con un tono divertente.

Le amiche e gli amici a complimentarsi del Festina in show sono stati generosi. Anche gli ignoranti però hanno molte lingue ed il giorno dopo a sentire certe battute soffocate, a trovarsi davanti all'abitudine di banalizzare ed etichettare le donne, le è salita un'amarezza mista a rabbia. Ma anche la consapevolezza che una rivoluzione di costume, per quanto piccola e giocosa, risulta necessaria.

La prossima occasione per far indignare la Buoncostume che ancora veglia su di noi è sabato 4 dicembre, in un bellissimo salotto privato.Con una mail a la.festina@gmail.com potete prenotarvi un posto per l'evento. Con 15 euro vi comprerete l'ingresso a Palazzo. Solo se siete donne vi lasceremo entrare. Per info clicca qui>>Link
L'Union fait la force ;]

2 commenti:

  1. Mia cara, quanto vorrei essere a Firenze e sostenerti - sai bene quanto ti sia solidale in questa causa comune per portare il piacere di qualsiasi essere umano nell'ambito della normalità, del rispetto e della complicità e non legato a parole stupide, vuote e patetiche come 'trasgressione' e ai soliti tristissimi stereotipi di genere che mortificano parimenti uomini e donne!...

    RispondiElimina