martedì 15 settembre 2015

Festina Mercati in musica

festina lente blog

Una rassegna inconsueta sta attraversando Firenze. Si chiama Mercati in musica e porta i concerti tra i banchi della frutta, o quasi. San Lorenzo, piazza dei Ciompi, Loggia del Porcellino e Sant'Ambrogio sono i luoghi pronti ad essere toccati da queste allegre scorribande. 

Programma
Mercoledì 16 settembre alle 20 “ LA VOGLIA DI RIDERE”, passeggiata musicale in San Lorenzo. Uno spettacolo di canti, di ”burloneria” fiorentina e cabaret perché “Di quei tali che non ridono mai stai lontano come dai guai”.
Musicisti in scena: Alessandro Giobbi – chitarra e voce / Andrea Roventini –cembalo e percussioni, Simone Faraoni– fisarmonica / Matteo Torretti– mandolino

Sabato 19, un'altra passeggiata dal titolo “LAVORAR CANTANDO”, Canzoni della tradizione operaia e contadina, di gioia e di protesta.
Un percorso nella storia della canzone popolare, dalla chansòn dei “trovatori” provenzali alle canzoni di illustri personaggi: Lorenzo il Magnifico, Petrarca e Dante che nel De vulgari eloquentia, colloca fra i generi metrici la canzone al primo posto. E poi canzoni dalla tradizione popolare italiana, canti dei contadini e dei minatori, canti dalle montagne e dalle valli, canti dei marinai e del mare fino ai canti di lavoro e di protesta ottocenteschi e del secolo passato.
Musicisti in scena: Alessandro Giobbi – chitarra e voce/ Andrea Roventini –cembalo e percussioni, Mario De Carlo – organetto diatonico / Jamie Lazzari – viola da braccio,Betty Cardelli – flauto traverso e flauto dolce

Mercoledì 23 “CANZONI TOSCANE E STORNELLI FIORENTINI - Stenterello ci insegna”. Lo spirito fiorentino è ben rappresentato dalla maschera di Stenterello, egli ha un aspetto sparuto e smagrito, come riecheggia il suo nome, é dotato di una strampalata furberia e ha molta scioltezza di espressione, alimentando pirotecnici bisticci. Chiacchierone e irriverente é sempre pronto a schierarsi dalla parte del più debole e, anche se oppresso dalle ingiustizie e avversità, ha sempre la forza di ridere e di scherzare. Una serata di canzoni fiorentine e no, allegre e no, leggiadre e no.
Musicisti in scena: Alessandro Giobbi – chitarra e voce / Andrea Roventini –cembalo e percussioni, Roberto Beneventi – fisarmonica a bottoni ,
Emiliano Buttaroni – giullare e narratore

foto viscido

Sabato 26 settembre Mercati in Musica torna alla Loggia di Piazza dei Ciompi con “ LA FAVOLOSA STORIA DEL ROCK”. Tra la metà degli anni sessanta ed i primi anni ottanta, la musica rock si è diramata in una enorme varietà di sottogeneri: si è mescolata con il blues e poi con il jazz. Allo stesso tempo, il rock ha anche incorporato influenze dal soul, dal funk e dalla musica latina. Nel corso degli anni sono nati altri generi derivati come il pop rock, l'hard rock, il rock psichedelico, il glam rock, l'heavy metal, il punk rock, il new wave e molti altri ancora.
Musicisti in scena: Graziano Poggetti chitarra e voce / Luca Bernardini basso /Andrea Roventini batteria

Domenica 27 settembre presso la Loggia del Porcellino il concerto sicuramente più importante di questa edizione:"IL RE SOLE E IL SUO MUSICO FIORENTINO - La rivoluzione musicale di Giovan Battista Lulli” Fra i sodalizi più famosi e proficui della Storia, si ricorda quello fra il Re Sole, Luigi XIV di Francia e Giovan Battista Lulli, poi Lully, fiorentino di nascita e emigrato in Francia all’età di 14 anni; l’uno trasformò uno stato feudale nel primo stato moderno, l’altro rivoluzionò la musica europea nell’ultimo scorcio del Seicento, dominando su un folto stuolo di talenti.
Musicisti in scena: Luigi Cozzolino, violino; Anna Noferini violino e viola da braccio; Giacomo Granchi, violino; Rosita Ippolito, viola da gamba; Martino Noferi, flauti eoboe; Giulia Breschi, flauto e fagotto; Giovanni Bellini, tiorba e chitarra; Federica Bianchi,cembalo; Manolo Nardi, tromba; Lorenzo D'Attoma, percussioni.

Sabato 3 ottobre l'ultima tappa al Mercato di Sant'Ambrogio con'O SURDATO 'NNAMMURATO - Canzoni ai tempi della Grande Guerra”.
Con questo concerto si vuole ripercorrere la storia del canto popolare italiano dall'inizio del 1900 fin dopo la fine della Grande Guerra. Dai canti di lavoro fino alle canzoni più famose che rimandano non solo al ricordo dell' evento bellico, ma richiamano un più ampio concetto di libertà e di voglia di vivere. Nella memoria collettiva degli italiani, la tragedia della Grande Guerra si identifica con “'O surdato 'nnammurato” (Il soldato innamorato) una delle più famose e struggenti canzoni napoletane con testo scritto da Aniello Califano e musicato da Enrico Cannio proprio nel 1915
Musicisti in scena: Lisetta Luchini chitarra e voce/ Enzo Carro chitarra e voce

Il programma si chiude giovedì 22 ottobre con il concerto alla Basilica di San Lorenzo, l'evento speciale di questa edizione di Mercati in Musica: “ROI DAVID“ per Soli, Voce recitante, Coro ed Orchestra di Arthur Honegger da un dramma di René Morax. Arthur Honneger (1892-1955) è un compositore svizzero nato in Francia e vissuto a Parigi dove fu membro del gruppo "Les Six" che aveva come obiettivo il rinnovamento della musica fuori dagli schemi del romanticismo. Compose numerose opere, musiche per balletti ed anche per il cinema; il suo lavoro più frequentemente eseguito è "Pacific 231" per orchestra che imita il suono di una locomotiva a vapore. Maestoso è il salmo sinfonico "Le Roi David" raramente eseguito per la complessità e difficoltà dell' insieme.
Ad eseguire il concerto il Coro e l'Orchestra “DESIDERIO DA SETTIGNANO” diretta da Johanna Knauf.
More nel sito

Nessun commento:

Posta un commento