lunedì 2 marzo 2015

Festina Amore e Ginnastica

maestra ginnastica

De Amicis, la rivincita. Devo dire grazie a Silvia Frasson per il bello di scoprire a teatro un testo meno noto del romanzo Cuore, pubblicato quasi clandestinamente nel 1892, ricco di humour e malizia.
Nell'Italia appena unita sotto lo stemma dei Savoia, nella dotta Torino si assiste all'avanzata della forza più scandalosa ed edificante del tempo: la ginnastica.
La incarna la statuaria maestra Maria Pedani, mozzafiato anche dentro abitini marroni da 30 lire; donna asciutta nei modi, profondamente convinta che nessun lavoro della mente abbia il diritto di mortificare l'affermazione di un corpo vivo e sano, equilibrato, consapevole.

Una camicetta scura e trasparente punteggiata di piccoli pois bianchi, un pantalone scuro, scarpe basse. Ecco come sono vestiti tutti i personaggi dello spettacolo Amore e ginnastica, andato in scena per la terza volta ieri sera al Teatro di Cestello. Vestono così la portinaia emiliana e la pettegola del terzo piano. Veste così, mezze maniche e braccia scoperte, ognuno dei sei uomini che salgono sul palco. 
Questo perchè i personaggi li fa tutti lei, la Frasson, trasfigurando lo sguardo nell'essere posseduta dall'uno o dall'altro. 

amore e ginnastica 
E si ride, si ride tutto il tempo, poi per due volte arriva sul palco la sensualità in un tango di braccia ed occhi. Ammaliante e trionfale. Quello chi lo balla Silvia? Lo balli tu?
Di dialogo in dialogo, salendo e scendendo le scale del palazzo, si viene a conoscenza di una storia d'amore maldestro, quello provato dal pretesco segretario del condominio per l'atletica maestra. Come un corpo sgraziato, anche questa passione avrà bisogno di lezioni di anatomia, esercizi e disciplina per imparare a fare un salto.

Amore e Ginnastica
versione teatrale di Stefano Massini
musiche e accompagnamento dal vivo Tommaso Ferrini
diretto ed interpretato da Silvia Frasson
Non datevi pena se non c'eravate, dopo un successo così evidente, la Pedani torna di certo. Quando? Domandatelo qui

Nessun commento:

Posta un commento