giovedì 17 gennaio 2013

Festina Eros Calcio e Figurine Panini

Ventrella e Ciuffoletti passeranno San Valentino insieme. Il pallone o la donna, questo l'eterno irrisolto dilemma del maschio italiano, che viene sostanzialmente risolto così: vince il calcio.
Era il 1978, un'estate freddata dall'omicidio Moro aveva in serbo per il popolo italiano un'occasione di riscatto e compattezza intorno alla maglia azzurra. Troviamo i nostri nella buca di una panchina di provincia il 20 giugno 1978, alla vigilia di Italia - Olanda decisiva per l'accesso in finale dei Mondiali di calcio in terra argentina.
calcio squadrone pergola
 calcio squadrone pergola panini
I nostri: Riccardo Ventrella, ala destra dell'Atletico Sagginale, costretto a giocare sotto il falso nome di Luigi Pregadio dopo che la disciplinare gli aveva comminato 25 giornate di squalifica per reiterate bestemmie durante il torneo parrocchiale della scorsa primavera; Tommaso Ciuffoletti, ala sinistra dell'Atletico Sagginale, segretario della locale sezione del PSI, già assessore alle politiche giovanili dimessosi dopo atti di nudismo durante un consiglio comunale dedicato ai diritti delle popolazioni native americane.
Per scontata decisione dell'allenatore i due sedevano quel giorno sulla panchina, l'ennesima, del campo sportivo dell'Atletico Sagginale. Per nulla delusi consideravano in silenzio che dalla prospettiva della buca in cui si trovavano le cosce della signora Mariani, moglie del presidente, offrivano spaccati di erotismo degni d'approvazione notturna e solitaria.
Ventrella aveva con sé la solita ineffabile coppia di Peroni da 66. Ciuffoletti le Marlboro oro. L'allenatore se ne fotteva che tanto, per lui, quei due facevano cacare sia da sobri che da briachi.
"A me gli olandesi mi stanno sul cazzo" esordì Ventrella. E il gelo attraversò la schiena dell'allenatore e di Ciuffoletti, per tante cose divisi - compresa la fede politica dato che l'allenatore era di chiare simpatie missine - ma uniti dall'amore per il calcio totale dell'odiosa banda Cruijff.
Un rutto precedette la replica di Ciuffoletti.
"Sul cazzo un cazzo. Non saranno quelli di quattr'anni fa, ma l'Olanda non si discute. Si ama".
- Ciuffoletti entra nella ripresa - annotò l'allenatore su un taccuino
"Ora che la Scozia è fuori c'è solo l'Italia. Mi dispiace per te Ciuffoletti". E un rutto di rimando sigillò la controreplica di Ventrella.
L'allenatore tirò un frego su "Ciuffoletti" e sopra lo scarabocchio scrisse "Ventrella". Tanto orgoglio patrio andava pur premiato.
A questo punto Ciuffoletti era in chiara difficoltà.
Si accese una sigaretta per provare ad ingannare l'attesa di una replica che non poteva tacere, pena una sconfitta chiara su tutta la linea.
Dunque facciamo ordine: l'Italia fino ad allora aveva sempre vinto. A larghi tratti impressionando tutti. Aveva asfaltato la Germania e sconfitto i padroni di casa dell'Argentina, mentre l'Olanda era sembrata una copia non troppo fedele della mitica squadra del Settantaquattro.
Ma era pur sempre l'Olanda.
Uno sguardo alle cosce della Mariani dette l'imbeccata a Ciuffoletti.
"Massì hai ragione. E poi le olandesi dopo i 30 si sfanno".
Se avete letto fino qui la storia ricostruita per noi da ala sinistra Ciuffoletti, annullate tutti gli impegni già presi e stasera alle 18:00 vi attendono al caffè del Teatro della Pergola. Da Pozzo a Herrera. Le grandi squadre fino agli anni Sessanta è il tema che inaugura il ciclo di incontri Hanno fatto uno Squadrone. Per portare la cultura popolare nei discorsi del Teatro, hanno scelto il calcio (sono uomini).
Ecco il programma completo:
  • Giovedì 24 Gennaio – La rivoluzione dell'Olanda e le squadre di club europee degli anni Settanta. Con la partecipazione di Fausto Bagattini 
  • Giovedì 31 Gennaio – La grande avventura del Nottingham Forrest.
  • Giovedì 14 Febbario – Una tra le più belle, l'Italia del 1978 in Argentina.Con la partecipazione di Tommaso Ciuffoletti
  • Giovedì 21 Febbraio – Le provinciali del calcio italiano.
    Con la partecipazione di Giacomo Guerrini
  • Giovedì 28 Febbraio – Le peggiori fiorentine della nostra vita.
Ingresso libero.

Altra destinazione visionaria del Teatro della Pergola, anno 2010>>Link
con altra bella immaginetta del Direttor Ventrella

5 commenti:

  1. i dieci calciatori con i baffi più famosi d'Italia
    http://www.ledieci.net/persone-i-dieci-calciatori-con-i-baffi-piu-famosi-ditalia-199.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. il geniaccio della Frati non la cogli impreparata nemmeno sul pallone

      Elimina
    2. siete voi che mi insegnate il mestiere!e comunque palleggio discretamente.sul serio.

      Elimina
    3. io meglio.
      e ogni scusa è buona per ricordarlo in video
      http://www.youtube.com/watch?v=SzUJgamEJsM

      Elimina