lunedì 30 gennaio 2012

Festina cucina in lavastoviglie

Una settimana fa la mia eclettica amica Fede mi ha spedito allo shop della Posta di via Pietrapiana per acquistare un libro intitolato Cucinare in lavastoviglie. Mi ha spiegato che una certa Lisa Casali ha messo a punto un metodo innovativo per cuocere gli alimenti con un sostanziale risparmio energetico e mantenendo inalterate le proprietà organolettiche degli ingredienti.
Ecco che sono stata allo shop, ho preso l'ultima copia sullo scaffale e poi mi sono munita di barattolo a chiusura ermetica. Vanno bene quelli con il tappo a vite e quelli a baionetta, come anche i sacchetti sottovuoto.
Adesso che sto per far partire la lavastoviglie, osservo il contenuto di filetti di gallinella dell'Atlantico, scalogno, pomodorini, erbette aromatiche ed olive che ho infilato nel barattolo. La ricetta non è nel libro, a mio rischio e pericolo resta solo da avviare il lavaggio.

'E un po' uno scoglio psicologico quello di mescolare il regno del fuoco, che cuoce e rende commestibile, a quello del pulire e del detersivo, momento successivo, pensile diverso. Comunque ormai fantastico su un mondo in cui la maionese venga preparata in lavatrice ;]

Incrociate le dita per me, poi vi racconto

4 commenti:

  1. o stirare nel forno.
    Giorgia

    RispondiElimina
  2. Risposte
    1. Allora, il primo esperimento mi ha procurato un pesce ben cotto. Ora non resta che riscaldare il tutto all'ora di pranzo, a meno che non vogliate pesciolini a colazione ;]

      Elimina
  3. Meravigliosa ... quand'è che inviti a cena me e la mia fonte d'ispirazione primaria Barbara Imbergamo che lo usa per fare il persciolino per il gatto tutte le sere?

    RispondiElimina