sabato 31 dicembre 2011

Festina ed il malaugurato 2012

Ultimo giorno dell'anno. Incubi notturni mi svegliano ed il raffreddore non mi fa riaddormentare.
Ancora il 2012 non è cominciato e mi trovo già infastidita per le apocalittiche profezie della fine del mondo, per la crosta terrestre chiamata a sprofondare e altri disastri planetari. A mio avviso, il mondo farà in tempo a distruggerlo la mala umanità, con armi nucleari, operazioni inquinanti, virus potentissimi e impari distribuzione dei farmaci. Questa eccessiva rilevanza data al tema dai media mi pare tanto una strategia per distoglierci dal riflettere e protestare per il presente che ci tocca.

Detto questo, possiamo occuparci delle mutande rosse!
Per festeggiare il Capodanno Festina ha deciso di tornare all'Umbria Jazz Winter, ecco alcune dritte se Orvieto tenta anche voi>>Link

Per chi resta a Firenze cosa c'è?
Il nome dell'anno per il concerto in piazza della Stazione è Caparezza, preceduto da Pippo e i suoi Pinguini Polari. Gospel in Santissima Annunziata, dalle 22, dj set Consorzio Diggei Indipendenti in Largo Annigoni (Sant'Ambrogio). In piazza Repubbica l’orchestra Les Italiens, e dopo il countdown la musica elettroswing di The Sweet Life society.
Non siete tipi da stare in piazza in pieno inverno? Nell'appena inaugurato Teatro del Maggio, Concerto con cena in tre atti e festa di fine anno (costo 180 euro). Teatro a budget più contenuto al Puccini con Gianni Schicci di Alessandro Riccio. E ancora, consueti sfarzosi cenoni in ville mozzafiato, per i quali credo vi siate già mossi a prenotare, e pigia pigia intriganti fino all'alba in discoteche e affini.
Occhio alle porte telematiche: la ZTL durerà tutta la notte.

Mi raccomando! Non scordate di indossare qualcosa di rosso, perchè il mondo non sta per finire e c'è bisogno di una bella dose di fortuna collettiva per arrivare alla prossima tredicesima o ad averne finalmente una.
Concludo con una citazione aulica:
"Fate l'amore stanotte" Laura Pausini

Nessun commento:

Posta un commento