sabato 4 dicembre 2010

Festina e la mela

opera di Roberta Ravasio

Per cogliere i frutti dell'albero delle occasioni ci sono due strade. La prima è quella di scuotere il tronco con veemenza, aggredire i rami con ramazze e sassate per affrettare i tempi, soddisfarsi, strappare il piacere di frutti non ancora maturi.
Il saggio invece osserva la maturazione e conta i giorni. Calcola quando le mele cadranno da sole come in un valzer e si siede semplicemente all'ombra dell'albero ad aspettare, preparando le mascelle.

Corre voce che un gruppo di uomini, compagni delle partecipanti, stasera abbia escogitato un evento parallelo al Fammi il Piacere a Palazzo! Vogliono trovarsi sotto al portone intorno alle 22.00, per intercettare le loro signore che scenderanno le scale dopo l'aperitivo afrodisiaco ed un'ora e mezzo di chiacchiere e fantasie intorno ai giochi erotici.

Intanto torniamo alle cose serie, Festina segnala l'articolo dettagliato di Ludovica Zarrilli uscito ieri sul Corriere.it. Ecco il Link>>Clicca qui.
Tutte le info sul Tapper Sex Party nel Salotto Privato di stasera anche qui>>Link

2 commenti:

  1. Ho qualche dubbio che donne che avranno appena partecipato a un incontro in cui diventano più consapevoli della loro sessualità e del loro piacere, poi vadano a darla al primo che passa che ha di loro una considerazione analoga a un 'frutto maturo' (come poeticamente dici tu) o meglio una 'cagna in calore' (come più realisticamente mi spingo a visualizzare la situazione io)...

    Non sono dei saggi, Festina: tutt'altro. Una mossa del genere è indicativa del livello della loro sessualità e della loro concezione dell'erotismo, così come del modo in cui pensano alla propria partner. Tristissimo.
    E lo dico senza moralismi - che io sono una felice gaudente, ma con uomini degni del mio corpo e di tutto il resto di me. E che sanno cosa farne, una volta che per complicità, desiderio e reciproca attrazione (e non perché le donne appunto siano animali in calore) ci si dà reciprocamente ;-)

    RispondiElimina
  2. Ciao Minerva sotterra pure l'ascia di guerra! stavolta era un discorso scherzoso e basta. Nessun uomo era davvero intenzionato, era un modo di dire, per farne parte pur non potendo.

    Dovresti venire agli workshop, seguire gli eventi solo via telematica non ti rende l'idea e mi dispiace ;]
    Buonanotte!

    RispondiElimina