venerdì 1 ottobre 2010

Festina e la fame dolce

Se c'è una cosa che mi piace della notte, sono i fornai che iniziano a lavorare. Impastano, infornano, impilano teglie cariche di pagnotte, pizzette, pezzi dolci.
Dalle 2 am circa l'odore di questo processo vitale dirompe per strada ed aiuta a scoprire i vicoli, le strade dove trovare i forni. Quei regni di lievito si riescono ad individuare anche per i capannelli di gente che si ferma in fila, chiedendo un cornetto con cui soddisfare quella fame notturna tra l'alcolico e il romantico.
Molti di loro non ti fanno lo scontrino, ma spesso e volentieri, mi rendono felice. Mi sento coccolata tornando verso casa con un croissant sotto ai denti ed un altro in un fagotto, per iniziare bene l'indomani.
Esistono fornai in ogni zona, capita anche a voi di andarli di notte a importunare?

3 commenti:

  1. decisamente sììì!
    il venerdì assalgo quello tra piazza signoria e santa croce. il giovedì quello dietro via san gallo.
    leti manzoniana

    RispondiElimina
  2. Io conosco laboratori di dolci: a Campo di Marte, lungo la strada che costeggia il binario, in Piazza Giorgini, in Viale Nenni, poi c'è l'ERG che è aperta tutta la notte ed è buona buona. In centro so che ce n'è uno, ma non ricordo la via.

    RispondiElimina
  3. Buongustaie!
    Leti ieri sera forse ci siamo incrociate ;]

    RispondiElimina